Confessioni di un ex inutile staff Se proprio ritenete che mi stia sbagliando, farò in modo di fare ammenda.

Ciao, mi chiamo Irene Moretti, ho quasi 32 anni, da quasi un anno sono tornata a vivere a Bologna e sono – stata – quello che l’attuale sindaco di Orbetello chiama “lo staff personale del precedente sindaco”.
Mi presento perché c’è un qualcosa che sfugge ai più e che è sfuggito a tanti durante gli ultimi quattro e rotti anni: dietro alle etichette, ci sono persone. Persone che hanno un proprio vissuto, al di là dell’etichetta. Persone che hanno una vita, al di là dell’etichetta e al di là degli “oh, bimba, mica è una cosa personale”.
Perché quello che nessuno ha capito, non oggi e nemmeno allora, è che in realtà non è possibile che non sia una cosa personale.
Avete scritto e continuate a scrivere su quella figura cose assurde, vantandovi di averla eliminata, ma continua a sfuggirvi un punto: dietro alla vostra demagogia da campagna elettorale, invero becera se devo essere onesta, ci sto io. Che sarò pure a svariate centinaia di km di distanza da Orbetello, ma le palle me le fate girare lo stesso.
Il mio primo giorno di lavoro è stato, se non ricordo male, il 7 agosto del 2012.
Il mio ultimo giorno il 31 dicembre 2015.
Il che significa che è da quasi un anno che lo staff del sindaco non esiste più.
Le elezioni sono state il 5 giugno 2016
Non prendetevi meriti: gli staff non sono figure obbligatorie, sono figure discrezionali e pertanto il termine “abolito” è buono solo per fare facili proclami.
Se dovessi ripercorrere tutto ciò che ho sentito dire sul mio conto in questo lasso di tempo, non basterebbe un post, ma se volete farvi un’idea, potete scorrere le bacheche dell’attuale sindaco, di parte dell’attuale maggioranza e anche di parte di quella che era la maggioranza durante lo scorso mandato: non ci prendiamo per i culo, pure gli “amici” non è che si siano spesi troppo per difendere lo staff.
La presenza dello staff sarebbe stata un enorme spreco di denari pubblici.

Uso un eufemismo, perché spesso i toni sono stati ben più diffamatori rispetto a quello che ormai considero un soprannome affettuoso. Inutile.
La mia versione dei fatti è che l’amministrazione si è ritrovata con un’impiegata in più, ampliamente sottopagata – perché nonostante i numeri millantati sono stata con 700 euro al mese per quasi quattro anni, cifra ridicola per pensare, a 30 anni, di avere la propria indipendenza -, ma con un’etica del lavoro tale da non preoccuparsi di aver sforato le ore previste dal suo contratto.
Staff personale continuano a chiamarlo.

Ma mi chiedo che giovamento ne abbia tratto l’ex sindaco quando ho passato un mese in unità di crisi; o che giovamento ne abbia tratto quando per quattro anni tutt* mi avete vista correre da un lato all’altro del paese per assicurarmi che l’evento X o l’evento Y filasse tutto liscio; mi chiedo che giovamento ne abbia avuto il sindaco quando ho proposto, in piena emergenza, di creare un canale social per interloquire con i cittadini; mi chiedo che giovamento ne abbia tratto il sindaco quando ho cercato, in momenti di organico carente, di dare una mano agli altri uffici, finendo persino a fare la bibliotecaria.
Chi afferma che lo staff del precedente sindaco sia stato personale e a suo uso e consumo probabilmente ha problemi di vista, oppure è talmente rintronato dalla campagna elettorale e dai proclami da non aver visto che dal 7 agosto 2012 al 31 dicembre 2015 c’era una povera esaurita, che sarei io, che oltre a non avere più una vita privata, correva e destra e a manca.

Strano, alcuni di voi ci hanno anche scherzato con me.
Il fatto che io abbia sempre avuto un’etica del lavoro e della cosa pubblica piuttosto sviluppata non garantisce ovviamente che io abbia fatto sempre un ottimo lavoro, ma credo di averci messo molto impegno e tanto di me stessa, quel tanto che mi basta per dormire sonni tranquilli.
Però ecco, dopo un anno che me ne sono andata a cadenza regolare mi ritrovo a leggere di quanto siete fighi perché avete eliminato lo staff, che per proprietà transitiva poi sono sempre io – tralasciando tutta la storia dell’ufficio stampa esterno – e se permettete, anche se mi sono trasferita a svariate centinaia di km di distanza da Orbetello, un po’ mi girano.
Però mi viene anche da ridere. Perché se quei 700 euro al mese sono stati così gravosi sull’economia del territorio allora dovreste ringraziarmi che me ne sono andata a cercare di costruirmi una vita mia.
Perché signori, è bello essere nei vostri pensieri, soprattutto quando vi fa comodo, a destra e a sinistra.
Però pensate anche ad altre cose, che insomma, non credo che i problemi di Orbetello dipendessero solo dai miei 700 euro al mese.
Se proprio ritenete che mi stia sbagliando, farò in modo di fare ammenda.
Oh, traquilli, visto che sono sempre nei vostri pensieri poi i soldi del Monopoli che guadagnavo e che hanno fermato l’economia del territorio per anni ve li resistituisco. Promesso.
Magari l’anno prossimo Gustatus lo fate durare due settimane e le luminarie le montate ad agosto.

Pensate ganzo.

Quer pasticciaccio brutto der ministero della salute #fertilityday L'arte del fare le cose a cazzo di cane, dello scarica barile e del precariato

Ar ministero de la salute, in quel de Trastevere, hanno combinato propio un ber pasticciaccio per il Fertility Day.

Artro che via Merulana.

Non paga delle critiche piovute da ogni dove dopo la prima terribile campagna promozionale del Fertility Day, la ministra Lorenzin ha colpito ancora.

O meglio, il suo staff comunicazione, come si è affrettata a dichiarare Sora Bea dopo aver silurato il capo di gabinetto.

Perché ovviamente Sora Bea non ha mai approvato quella campagna orribile. Figuriamoci.

Mica Sora Bea pensa che i negri so’ tutti drogati. E nemmeno che una famiglia che urla “White Anglo-Saxon Protestant” rispecchi l’ideale di buone abitudini e buona compagnia.

Siamo cattolici, per Dio, che è ‘sto calvinismo?

Quindi la colpa ha da esse per forza dello staff, uno staff brutto e cattivo che ha ricicciato una campagna ammerigana per partorire – ih, partorire, per il Fertility Day, so’ proprio gajarda io – una campagna sessista e pure razzista.

Come gli autori di Boris, io me li immagino quelli dello staff della Sora Bea.

–  Ahò, come ‘a famo ‘a campagna a prova de bomba pel FertilityDay?

– Cazzo ne so, zio. Guardamo un po’ su Google, tanto non se ne accorge nessuno.

– Ahò, genio! Guarda che figata ‘sta roba qua. Daje, publicamola che tanto che quelli so’ ammerigani non se ne accorge nessuno e li negri, a parte Gervinho, stanno sur cazzo a tutti. Daje.

Ecco, deve essere andata un po’ così.

Con lo stesso sforzo creativo di chi ha fatto la campagna per Veltroni ricicciando il “Yes we can” di Obama traducendolo con un “Si può fare” o chi ha lanciato l’hashtag per Ignazio Marino. #Daje. Geni. E hanno portato pure un po’ sfiga mi sa.

Perché vedete, a parte poche eccezioni, di solito gli staff comunicazione sono ben pagati e dovrebbero essere dei fenomeni nel loro lavoro.

E invece no.

Partoriscono – daje!! – ‘ste cagate.

E poi ci siamo noi. Un esercito di copywriter, grafici, social media manager, creativi e coglioni che oscilliamo tra l’incubo della partita iva e il precariato.

E siamo precari e ci chiedono di fare figli.

Poi li mantiene il ministero della magia, che noi non c’avemo manco i sordi pe’ i preservativi.

Che magari avremmo fatto un lavoro anche migliore. Dico magari eh.

Perché invece di prendere la foto da ShutterStock dopo aver visto lo stesso manifesto, magari avrei chiamato un par di amici e gli avrei chiesto di fare una foto tutti insieme apassionatamente, che ci saremmo pure fatti due risate tutti insieme.

Un bel lavoro di merda, insomma.

Però Sora Bea non ne sapeva gnente, eh.

E io non ci credo manco per un cazzo.

Perché nel mio piccolo sono stata un staff. Di quelli non troppo pagati e comunque la parola “staff” comprendeva me e le mie varie personalità.

Ma una cosa, nella mia piccola esperienza ve la posso dire: non esiste che uno staff faccia uscire una campagna o anche solo un comunicato senza l’approvazione del capo di turno.

Quindi, nonostante abbiano fatto un lavoro di merda, mi tocca pure empatizzare con lo staff della Sora Bea per essere stato additato come unico capro espiatorio di questo pasticciaccio brutto.

Sora Bea, facci un favore, licenzia anche te stessa e invece di perdere tempo e denaro per convincerci che fare figli è bello, che le canne fanno male e che i negri sono tutti sporchi e cattivi spendi un po’ di tempo a chiederti come hai fatto a diventare ministro della sanità.

Che io proprio non me lo spiego.

Nel frattempo, dove lo mando il curriculum?

Nikefobia Una giustificazione psicologica ai miei fallimenti.

Il fatto è che io ho paura di un sacco di cose.

Da sempre. Più o meno. Credo di essere stata la bambina più paurosa mai esistita e credo anche che ciò abbia influito nel mio essere rimasta figlia unica.

Provateci voi a fare un altro figlio quando avete una rompipalle che dorme in camera con voi.

Beccati questa Lorenzin!

Ho un sacco di paure.

Ho paura del terremoto.

Ho paura del fuoco.

Ho paura degli scarafaggi, dei grilli, delle cavallette e delle falene.

Ho paura della morte.

Ho paura del buio e degli spazi vuoti, ma solo quando le due cose sono concomitanti.

Ho paura di perdere alcune persone, anche se poi le perdo comunque e un po’ mi abituo, ma nemmeno troppo.

Ho paura di perdere lucidità.

E ho paura di essere felice.

Sì, ho proprio paura di essere felice. Ne sono talmente terrorizzata che arrivo ad autosabotarmi.

La mia vita è costellata da una serie infinita di tentativi di sabotaggio e di profezie – negative – autoavveranti.

Ricapitolando ho: pirofobia, entomofobia, necrofobia, acluofobia, kenofobia, terremoto-fobia, solitudino-fobia e nikefobia.

Eh già, perché pure la paura di essere felici ha un nome: nikefobia, paura di vincere.

Il fatto che la psicologia la associ quasi solo esclusivamente agli atleti, non conta.

Non sono un’atleta. Il lancio del curriculum, l’arrampicata libera sugli specchi e il sollevamento di polemiche non contano come attività sportiva. Ho chiesto. Però io c’ho la nikefobia ecco.

La nikefobia è un fenomeno per cui un atleta (…) seppur dotato di grandi potenzialità, non raggiunge mai livelli elevati di prestazione sportiva a causa di propri comportamenti specifici che assumono le sembianze di un vero e proprio “auto-sabotaggio”. (Definizione presa da qua)

Insomma, che io le potenzialità le abbia lo sappiamo. Me lo dite sempre. A volte siete abbastanza convincenti che ci credo pure io. Non fatevi confondere dal mio egocentrismo.

Eppure resto sempre indietro.

Sono quella che in tutto quello che fa si sente nella testa le parole della maestra che dice “è brava ma non si applica”.

Ma io mi applico per Dio!

Ve lo giuro su quello che volete, io mi impegno. Mi impegno parecchio.

E resto indietro.

Perché c’ho la nikefobia.

E adesso che ho imparato che significa e che esiste posso beatamente cruogiularmi nella mia autocommiserazione e dare la colpa a una condizione medica se fallisco malamente in tutto quello che faccio.

Ah, che bello avere l’ennesima scusa per giustificare le mie stronzate e le mie sconfitte.

È rassicurante. È liberatorio. Solleva da ogni responsabilità.

Mica è colpa mia. Io c’ho la nikefobia.

Perché raggiungere una vittoria, o la felicità, sarebbe uno stress immane.

Meglio stare nella mediocrità, piangermi un po’ addosso.

Magari vincere un abbraccio con un po’ di pietismo.

E poi vi immaginate che ripercussioni potrebbe avere la mia felicità sul mio sarcasmo e sulla mia ironia?

Perderei il mio superpotere di farvi ridere con le mie sfighe. Come faccio poi?

Come faccio poi se non posso prendermela con me stessa?

Con chi me la piglio?

No, datemi retta. Meglio autosabotare qualsiasi cosa possa rendermi felice.

Meglio dirmi “tanto non ce la posso fare”, almeno tengo basse le aspettative, non rischio di rimanere delusa e nemmeno lo stress che comporterebbe riuscire. Poi mi tocca tornare in terapia e non ho soldi.

Meglio autosabotarmi le relazioni umane.

Ché io lo so che ogni tanto sono un po’ sopra le righe. Lo so che per compensare la mia timidezza – ridete, è vero, lo sono, non sapete nemmeno quanto – spesso divento pure troppo espansiva. Divento proprio una spina del culo. Non so come alcun* ancora mi sopportino.

Altre persone le allontano. Perché sarebbe troppo facile avere rapporti di tipo vario in maniera serena.

Quando mi piace una persona state sicur* che farò di tutto per rovinare qualsiasi cosa in partenza.

Ci ho provato a essere un leone, ma c’ho la nikefobia.

Capito Ma’?

Non è che “sono brava, ma non mi impegno”. Non è colpa mia.

È colpa della nikefobia.

E ora che ho scoperto della sua esistenza, vivrò i miei fallimenti con molta più serena rassegnazione.

Oppure mi darò un metaforico calcio in culo e cercherò di farmela passare, non si sa mai che essere felice per una volta non sia così stressante come immagino.

31 stagioni, quasi 32 Lo scorrere del tempo in funzione delle serie tv

Mi chiamo Irene e ho 31 stagioni. Quasi 32.

Sì, perché ieri sera, leggendo un post di un’amica, mi sono resa conto di una cosa. Mi sono resa conto di aver smesso di calcolare il tempo usando gli standard universalmente riconosciuti.

Lo scorrere del tempo per me non è più dettato dal susseguirsi di ore, giorni, settimane, mesi, anni e stagioni.

Forse stagioni sì. Non nel senso classico del termine, quanto piuttosto nel senso di “a che stagione è arrivata questa o quella serie tv?”.

Sono sicura che questa cosa succeda anche a voi, pensateci bene.

Nel 2016 abbiamo smesso di pensare che anno stiamo vivendo e abbiamo iniziato a pensare a quale stagione siamo arrivati.

Quelle che una volta erano le settimane sono solo il tempo che trascorre tra un episodio e l’altro.

Quando le serie vanno in hiatus, solitamente da novembre a marzo e poi nella stagione estiva, noi smettiamo di misurare il tempo. A parte per imprescindibili impegni lavorativi che ci costringono a ricominciare a utilizzare il calendario giuliano. O forse usiamo quello gregoriano. Non mi ricordo, non sta in nessuna delle serie che seguo.

Così noi non sappiamo più che è lunedì. No, il lunedì è il giorno di Once Upon A Time e, per poche intense settimane l’anno, di Game of Thrones.

Il venerdì è quello di Grey’s Anatomy.

Il giorno di Doctor Who è un mistero come il vero nome del dottore.

Anche le nostre vite assumono i contorni di una serie televisiva.

Abbiamo trame, guest star, recurring characters e personaggi vari che vorremmo sfanculare in tre,due, uno. Ma evidentemente gli autori non la pensano così.

Quindi, per dire, vi posso suddividere la mia vita in questo modo.

L’infanzia è quel periodo in cui c’era Beverly Hills e tutte eravamo impegnate a discutere se fosse meglio Brandon o Dylan.

Gli anni delle elementari, medie e superiori erano quelli di ER. Il che spiega un po’ la mia ipocondria.

E di Ally McBeal, che quasi mi aveva convinta a fare giurisprudenza. Insieme a Jag – Avvocati in divisa, ma prima che diventasse un telefilm di propaganda repubblicana.

E Jarod il camaleonte? Ce lo siamo scordato?

Ah, la spensieratezza di Friends

Ma erano anche gli anni di The X-Files e Twin Peaks guardati di nascosto.

All’università ci sono stati Dottor House – eccolo, eccolo il motivo dell’ipocondria -, Boris (e io continuo a rimanere F4-mente basita), Supernatural, mai Lost, e soprattutto Dexter, perché i cattivi sono i migliori. Soprattutto quelli che forse non lo sono.

E The L-Word. Che mannaggiaacristo e quando hanno tolto Marina e vivaddio quando hanno ammazzo Jenny. E che soprattutto ha rovinato un’intera generazione di lesbiche col taglio alla Shane.

 

Dieci stagioni di The X-Files.

Perché non ho mai veramente trovato un equilibrio tra la mia parte razionale e quella che canta insieme a Finardi di extraterrestri che devono portarmi via. Nonostante il segreto di Stato e l’Area 51 (chi sa, sa).

Quattro di Orange is The New Black.

Perché Laura Prepon è una figa della madonna.

Sei di Game of Thrones.

Perché sì.

Tre di Millennium.

Perché è un capolavoro incompreso.

Una di Flashforward.

Perché è la metafora del mai una gioia.

Due di Lie to me.

Perché l’hanno interrotto proprio quando Cal ammette di amare Gillian ed è un po’ il riassunto delle mie relazioni.

Cinque, quasi, sei di Once Upon a Time.

Perché in fondo in fondo all’amore io ci credo, come cantava Milly.

Mi chiamo Irene, ho 31 stagioni. Quasi 32. E la mia donna ideale non è quella che mi porta dei fiori, ma quella che in un orecchio mi sussurra: “Amore, facciamo l’abbonamento a Netflix?”.

E se non arriva presto il 25 settembre faccio una strage.

Il testamento Testamento: ultime volontà di una persona che intende morire il più tardi possibile, ma che ha idee precise su quello che dovrete fare dopo

Quando morirò, perché un giorno lo farò, non voglio assolutamente un funerale religioso.

Quando sarò sul punto di morire fatemi dare pure l’estrema unzione. Fate qualsiasi cosa preveda il rito ebraico in questi casi, quello cattolico, quello musulmano, induista, buddista, animista, taoista e pastafariano.

Sono sempre stata atea, ma non si sa mai e la prudenza non è mai troppa.

Se i miei organi dovessero essere utili, donateli. Se potranno servire ad allungare la vita a qualcuno, anche fosse un beone alcolizzato, io voglio che li abbia. Una seconda chance ce la meritiamo quasi tutti e comunque a me non serviranno più. Odio gli sprechi.

Donate il mio corpo alla scienza se potrà essere utile, ma dopo per favore crematemi. Non solo occuperò meno spazio, ma scongiurerò l’eventualità di tornare in caso di apocalisse zombi. Sempre perché non si sa mai. Che poi immaginate che razza di zombi potrei diventare essendo stata sapiosessuale in vita.

Fate delle mie spoglie mortali un po’ come cazzo vi pare, insomma, ma non toccate le mie tette. Quelle devono rimanere attaccate al corpo. “Tetta mia vientene con me”.

Lo so che le adorate, ma sarebbe morboso e pure parecchio inquietante se aveste programmi per le gemelle anche dopo che io sarà morta.

Però il funerale religioso no.

Vedete, io vi voglio bene e non ho alcuna intenzione di costringervi a stare un’ora, probabilmente nel giorno più caldo dell’anno perché si sa che io e la fortuna andiamo a braccetto, dentro la casa di un amico immaginario a cui non ho mai creduto ad ascoltare bla bla bla su come la mia morte faccia parte di un imperscrutabile piano di quello stesso amico immaginario di cui sopra.

Nessun angelo con la tromba mi verrà a prendere e io non voglio farvi passare un’ora della vostra vita ad ascoltare le vecchie che fanno a gara a chi dice il Padre Nostro con maggior convinzione. Tanto non le ascolta nessuno.

Nessun angelo con la tromba e nemmeno nessun diavolo col forcone, tanto probabilmente sarò morta facendo qualcosa di tremendamente e divertemente stupido, tipicamente da Irene.

Oppure a 101 anni, nel mio letto, circodata da chi mi ha voluto bene.

O di asfissia autoerotica, che tanto…

Ma anche se oggi, viva e con tanta voglia di vivere ancora a lungo, mi viene da dirmi che comunque preferirei vivere piuttosto che farmi una passeggiata in compagnia di gabbiani asessuati, quando quel giorno arriverà io sarò morta. E poco me ne importerà.

Perché nella morte io non ci ho mai visto nulla di trascendentale o mistico. Ammetto che certi pensieri, certe filosofie, possano aiutarci ad accettarla con serena rassegnazione, ma la morte è la fine. Non un inizio, non un momento di passaggio.

Io non penserò più. Non sognerò più. La chimica e le sinapsi del mio cervello fin troppo iperattivo smetteranno di funzionare. Si fermeranno e resterà soltanto il nulla, nulla se non un ammasso di tessuto connettivo e cerebrale.

Sarà il nulla. Un nulla talmente assoluto che nemmeno a Fantasia.

Sarà il vuoto. E io non ne sarò cosciente perché quando il cuore smetterà di pompare e le mie sinapsi e il mio cervello chiuderanno bottega, sarà la fine.

Nessun pensiero. Cesserò di esistere e il mio corpo non sarà altro che svariate libbre di carne. Un contenitore di carne e tessuti in decomposizione vuoto e privato di ciò che rende l’essere umano unico e vivo: il pensiero, la consapevolezza, la coscienza di sé.

Non saprò di essere morta, perché semplicemente non sarò. Irene non esisterà più.

Perché questo è la morte, un nulla in cui non potrò nemmeno rammaricarmi di essere morta. Non sarà dispiaciuta di esserlo. Non sarò nulla. I rimpianti e i rimorsi li avrò nell’istante prima che sinapsi e cuore tirino i remi in barca per sempre.

Lo so che è un pensiero terribile. Lo so che l’idea del nulla e di non essere è spaventoso, fa paura, ti fa rimanere sveglia la notte.

Ma voi non disperatevi per me, perché io sarò nulla, ma voi no.

Io non ci sarò, ma voi sì.

Piangete se vi va. Fa bene, è sano e non c’è niente di cui vergognarsi. Io lo faccio. Spesso.

Fatelo durare poco, tanto non vi sentirò. Fatelo durare quel tanto che vi basta per scaricare la tensione.

E poi ridete. Ballate. Cantate. Ubriacatevi. Ricordatevi di me e di tutte le volte che vi ho fatti ridere usando il mio superpotere di trasformare le mie sfighe in aneddoti divertenti.

Scopate.

Fate un bagno in mare.

Non perdonatemi se vi ho fatto del male, il perdono non è dovuto. Il perdono va meritato.

Continuate a ridere. Perché io non ci sarò, ma voi sì.

E allora onorate la mia memoria celebrando la vita di chi resta. Onorate la mia memoria celebrando la vita stessa.

Fanculo la Chiesa. Fanculo al prete e alle parole dei testi sacri.

Divertitevi.

Improvvisate una danza in piazza. Improvvisate un baccanale. Sentitevi vivi.

Questo è quello che dovrete fare quando un giorno, inevitabilmente, morirò.

Ma non oggi. Oggi sono ancora viva. Oggi io voglio vivere. I miei pensieri viaggiano a velocità sconosciute dalla fisica moderna.

Voglio ridere. Voglio viaggiare. Voglio scopare. Voglio innamorarmi di nuovo, prima o poi. Voglio imparare a suonare il violino. Voglio cantare nel coro degli uomini ne “L’infazia di Maria”. Voglio, voglio, voglio e voglio un sacco di cose.

Ma soprattutto, voglio vivere ancora un po’ per potervi dire “Io ve lo avevo detto”.

 

PS: sì, Maria, i miei libri li lascio a te, tranquilla.

 

 

Outing vs coming out – Non sapevo di essere lesbica Outing vs coming out. Imposizione vs libertà

Prima di ogni altra considerazione occorre fare una precisazione squisitamente semantica: coming out e outing non sono la stessa cosa.

Non sono sinonimi. Non sono intercambiabili. Sono proprio due cose diverse ed è bene che questo punto sia chiaro, anche e soprattutto a quei giornalisti che ancora oggi confondono le due cose e contribuiscono non poco a creare incomprensioni.

La differenza tra coming out e outing è sostanziale ed è un po’ la stessa che intercorre tra libertà e imposizione.

Proviamo a rendere le cose ancora più chiare e lineari: uno avviene quando noi, in piena autonomia, decidiamo di renderci visibili, di dichiarare noi stessi al mondo e a chi ci circonda, l’altro, invece, si subisce.

Esatto, se ancora non lo aveste capito, l’outing si subisce. Contro la nostra volontà, spesso in maniera fisicamente, verbalmente e psicologicamente violenta. Avviene ogni volta in cui qualcuno, più o meno sottovoce, più o meno maliziosamente, con più o meno cattiveria, dice: “Quell* è finocchi*”.

E se vivete o avete vissuto in una piccola comunità sapete perfettamente che quel bisbiglio si propagherà come i cerchi concentrici sull’acqua dopo averci tirato un sasso: il pettegolezzo si diffonderà, si ingigantirà, magari si arricchirà di sordidi e immaginari dettagli.

Inizierai a camminare per strada e vedrai occhi e dita puntati su di te; sentirai risatine o battutine di sdegno. Potrebbero anche iniziare ad avere problemi sul posto di lavoro, negli spogliatoi o, peggio, a scuola.

Quando sei un adolescente l’outing tra i corridoi della scuola può trasformarsi facilmente in forme di bullismo – omofobico e non – che solo chi l’ha provato, anche solo in parte, può comprendere. Essere chiacchierati nei corridoi di una scuola può molto presto portare a episodi di violenza psicologia e fisica; subire l’outing a scuola può voler significare essere spint* in un angolo ed essere chiamat* “lesbiche di merda” mentre in sei o sette ti riempiono di calci e di sputi.

Subire l’outing, soprattutto in età adolescenziale quando non si hanno ancora ne le sicurezze ne le strutture e le risorse per poter affrontare serenamente un coming out, può portare a gesti estremi, quei gesti di cui abbiamo avuto l’ultimo, tragico esempio a cavallo tra Aprile e Maggio.

Perché il problema non è l’outing in sé per sé, ma il background culturale che ci sta dietro, come la becera ignoranza e omo-lesbo-transfobia nemmeno troppo velata di chi, in nome di valori in odor di Medioevo, sostiene che un omosessuale, una lesbica o un* transessuale siano degenerati, scherzi della natura contro la natura stessa.

Esiste una cura però a questa malattia dilagante, una cura che consentirà all’outing di trasformarsi in un coming out consapevole, libero e liberatorio: la cultura. Non la cultura gender, invenzione che tanto spaventa l’Adinolfi di turno, ma la cultura a 360°. E l’istruzione, un’istruzione che sia laica non solo sulla carta, quell’istruzione che in periodo illuminista trovava la sua massima espressione nel motto sapere audere.

È arrivato il momento di portare a compimento una nuova rivoluzione culturale che permetta a ognun* di noi di poter affermare la propria individualità e il proprio orientamento sessuale ad alta voce e senza avere nulla da temere, il momento in cui nessun adolescente dovrà aver paura di essere picchiato o respinto dai proprio genitori.

È arrivato il momento in cui tutt* noi potreme essere semplicemente liberi di essere.

La libertà, non per niente, è a parola d’ordine del Bologna Pride 2016: siate liber*.

 

Questo articolo, insieme a molti altri contributi, lo potrete trovare su “La Falla”, l’almanacco de Il Cassero LGBT Center di Bologna.

http://www.cassero.it/attivita/la-falla/

Sii un leone.

Schermata-2014-04-20-alle-11.22.03

Una mia amica, durante una delle mie sessioni di lamentela, mi ha detto:

“Domattina, appena ti alzi, vai davanti allo specchio e ripeti a te stessa ‘sono un leone, sono un leone, sono un leone’.”

“Devo anche ruggire?”

“Se ti aiuta, sì.”

Io ci ho provato, ve lo giuro. Mi sono guardata allo specchio, dritta nelle occhiaie e mi sono detta: “Sono un leone”.

Poi è arrivata quella grandissima stronza della vocina nella mia testa che mi ha detto: “Cazzo stai a di’, sei di febbraio, sei un acquario.”

Ho provato a controbattere, ma la mia vocina non ha sentito ragioni.

Allora io alla mia vocina voglio dire un paio di cose, che magari se le metto nero su bianco le legge, perché scripta manent pure per la coscienza.

Voglio dire alla mia vocina che se io fossi veramente un leone mi eviterei un sacco di seghe mentali.

Pensaci vocina, se invece di essere l’acquar-leone codardo avessimo – io e te vocina, che siamo la stessa cosa, ma diversa – seguito la strada di mattoni gialli ci saremmo prese ciò che volevamo.

Forse no, ma quanto meno ci avremmo provato e non saremmo qui a pensare ai se, ai ma, ai forse e ai “mi stavo cagando sotto”. Compris?

Vedi vocina nella mia testa che mi fai essere ignava, se fossi un po’ più coraggiosa forse la mia vita sarebbe meno complicata. Meno noiosa.

Se fossi più coraggiosa forse riuscirei a dire, a fare, a chiarire, a dichiarare. Invece di farmi discorsi bellissimi o cazzutissimi – a seconda dello scenario della mia fantasia pre fase REM o sotto la doccia – tutti nella mia testa, li farei alle persone interessate.

Pensa vocina, come sarebbe bello poter dire ad alta voce, in ordine rigorosamente sparso:

  • “Mi piaci”
  • “Facciamoci una scopata e poi amiche come prima”
  • “Mi stai veramente sul cazzo”
  • “Ridammi quei cinque euro che ti ho prestato figlio di grandissima lavoratrice”
  • “Ti voglio bene”
  • “Scusa, ma i cinquanta euro per quel lavoro là?

Vedi vocina, ti ho fatto solo una manciata di esempi, ma considera le infinite possibilità di avere le ovaie di dire certe cose? Comprendi quanto tempo prezioso risparmieremmo io e te? Tempo che potremmo passare in modo più piacevole, che ne so, a fare l’amore magari, che visto che l’abbiamo detto magari poi viene fuori di essere pure ricambiate.

Non è fantascienza, vocina, non ci manca niente a noi. Forse un paio di centimetri, ma siamo apposto. E poi, una volta che ci si dichiara, oh, se l’interesse non è ricambiato si va avanti. Morta una papessa se ne fa un’altra e via verso l’infinito e oltre.

Pensa a cosa avresti potuto fare con quei cinquanta euro? Oppure a quanto meno stressante sarebbe non dover fingere che questa o quella persona ci piaccia quando invece proprio ci sta sul cazzo?

Vocina, io e te il coraggio da qualche parte ce l’abbiamo e qualche volta l’abbiamo dimostrato.

Smettiamola di essere acquario.

Roar.